Desio: l’acqua tornerà a scorrere nell’antica roggia di Villa Cusani Traversi Tittoni

Pubblicato il 1 settembre 2021 • Servizi , Territorio

Grazie a una convenzione con il Comune, BrianzAcque recupererà la fontana dell’ex canale, in disuso da decenni

Il conto alla rovescia è iniziato. Prenderanno il via nella prima metà di settembre i lavori per la riqualificazione della storica fontana della Roggia, che costeggia Villa Cusani Traversi Tittoni. Spenta dagli anni Ottanta, anche a causa di un impianto di pompaggio obsoleto e non più in grado di funzionare, la struttura che ha segnato la storia della città tornerà a zampillare nell’arco di circa due mesi. Tutto grazie a un' intesa tra BrianzAcque e il Comune di Desio che, alla fine del 2020, hanno sottoscritto una convezione per la gestione e la presa in carico delle fontane pubbliche da parte della utility del servizio idrico integrato a Monza e Brianza, previa corresponsione di un canone fisso per ciascun impianto.

A seguito dell’assunzione, della conduzione e della manutenzione di sei fontane desiane, la convenzione tra i due enti va ora dunque a interessare quella della Roggia, situata in via Cavalieri di Vittorio Veneto, in corrispondenza dell’accesso alla Biblioteca Civica: un canale a cielo aperto lungo circa 45 metri, rivestito in blocchi di serizzo. L’intervento è interamente finanziato dal Comune di Desio con oltre centomila euro di quadro economico, messi a disposizione con le precedenti variazioni di Bilancio.

La cifra è comprensiva di un intervento preliminare di ristrutturazione finalizzato alla rimessa in esercizio dell’opera, che ha richiesto un apposito studio da parte del settore Progettazione e Pianificazione di BrianzAcque, con anche la richiesta di autorizzazione preventiva alla Sovrintendenza dei Beni Storici e Culturali. In sintesi, sono previsti una serie di lavori di tipo edilizio ed impiantistico come il rifacimento completo del sistema di pompe e filtraggio dell’acqua, la sistemazione del rivestimento in pietra, l’impermeabilizzazione del fondo vasca, la realizzazione di tutti i nuovi impianti elettrici e di controllo, l’installazione di un nuovo parapetto di protezione, la sistemazione del verde circostante e il prolungamento del marciapiede a lato dell’alveo dell’ex canale voluto per scopi irrigui nel lontano 1383 da Bernabò Visconti. Quindi, la fontana potrà essere “riaccesa”, curata, pulita e sanificata costantemente come avviene per gli altri elementi di decoro urbano d’acqua presenti in città.

2. Roggia, come sarà
Allegato formato jpg
Scarica
1. Roggia, come sarà
Allegato formato jpg
Scarica